Vespe aliene: rischio allergie e shock anafilattico. Come difendersi?

By | 10 Aprile , 2017
Vespe aliene: rischio allergie e shock anafilattico. Come difendersi?

Arrivano dall’Oriente le vespe aliene e aumentano i casi di allergie. L’allarme è stato lanciato dagli allergologi che sostengono che i nuovi insetti stanno colonizzando la nostra nazione spinte dal clima sempre più tropicale. Le vespe aliene rappresentano un grande pericolo per la nostra salute, le punture infatti possono causare anche shock anafilattico. Questi insetti appartengono ad una nuova specie di imenotteri tra cui la temutissima vespa velutina che proviene dalla Cina e la vespa orientalis del Medio Oriente.

Gli specialisti hanno affrontato il caso delle vespe aliene nel corso dell’ultimo Congresso della Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (SIAAIC). A causa della migrazione degli imenotteri, attirati dal clima tropicale, non solo aumenta il rischio di essere punti, ma è possibile che il nostro organismo sia molto più sensibile al loro veleno. Gli allergologi sostengono che in Italia ci sono almeno 50 morti all’anno causate dalle punture di api, vespe e calabroni. Inoltre durante la bella stagione circa 5 milioni di italiani vengono punti dagli imenotteri, 400mila individui sono allergici e in un caso su dieci si arriva allo shock anafilattico.

A questo punto la domanda è una sola: come difendersi dalle punture degli imenotteri? Per quanto riguarda le vespe aliene non c’è ancora una soluzione riconosciuta a livello medico ma si può agire per contenere le conseguenze delle punture degli insetti già noti. Gli allergologi nella trentesima edizione del congresso hanno ricordato che il vaccino contro gli imenotteri è efficace nel 97% dei casi ma solo 1 paziente su 7 sceglie di farlo, pur essendo consapevole di essere allergico alle punture di insetto.

Author: Flavia Montanaro

Web editor esperta in attualità, salute e spettacolo, con passione per la politica e news dal mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *