Fertilità maschile, il test fai da te con lo smartphone: come funziona?

By | 23 Marzo , 2017
Fertilità maschile, il test fai da te con lo smartphone: come funziona?

I ricercatori del Brigham and Women’s Hospital e del Massachusetts General Hospital (Mgh) hanno sviluppato un’idea innovativa per il test della fertilità maschile sfruttando la tecnologia. L’esame potrà essere eseguito a casa in completa privacy grazie ad un dispositivo mobile che un’app per lo smartphone. Ovviamente si tratta di un prototipo ma la comunità scientifica ha apprezzato lo strumento, tanto che anche la rivista Science Translational Medicine gli ha dedicato un approfondimento.

Hadi Shafiee autore dello studio ha dichiarato che voleva realizzare un test per la fertilità semplice e accessibile a tutti proprio come il test di gravidanza. Oggi gli uomini sono costretti a fornire campioni di sperma in stanze di ospedale tra stress e imbarazzo. Inoltre i test per la fertilità hanno un costo molto alto e i risultati non sono sempre tempestivi. Con la nuova app il test fai da te per analizzare il campione di sperma si può fare in 5 secondi. Il dispositivo ha un accessorio ottico che serve per il collegamento con lo smartphone e un microchip dove caricare il campione. Il supporto ha un bulbo di gomma che si preme per aspirare lo sperma. I dati preliminari hanno dato un tasso di accuratezza e di successo del 98%. Sono stati analizzati 350 campioni di sperma e quest’invenzione ha riconosciuto anomali quelli che non rispettavano i criteri dell’Oms. I valori sono stati confermati anche dalle prove di laboratorio.

Sono circa 45 milioni le coppie in tutto il mondo che hanno problemi ad avere figli, il nuovo dispositivo potrà aiutare a monitorare la qualità dello sperma anche in seguito ad interventi di vasectomia. Chi si sottopone a questi particolari interventi infatti è costretto a recarsi spesso dall’urologo per controllare gli esiti ma con l’approvazione del dispositivo da parte della Food and Drug Administration non ci sarà più questa esigenza senza contare che lo strumento potrebbe essere utile anche per verificare la fertilità degli animali.

Author: Flavia Montanaro

Web editor esperta in attualità, salute e spettacolo, con passione per la politica e news dal mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *