Messenger si aggiorna: come usare Mentions e Reactions nella chat Facebook

By | 24 Marzo , 2017

Su Messenger, l’app di messaggistica di Facebook, arriva un altro e attesissimo aggiornamento. Da tempo infatti molti utenti del popolarissimo social network chiedevano l’introduzione delle emoticons (già inserite su Facebook un anno fa) all’interno della chat Messenger e finalmente eccoli accontentati: da oggi infatti, con l’opportuno aggiornamento del proprio smartphone o tablet, sarà possibile usare le note emoticon di Facebook anche all’interno della chat commentando una scritto o un messaggio con il proprio smile, così come già avviene per Imessage. Il nuovo aggiornamento dell’app di messaggistica prevede infatti l’introduzione di Mentions e Reactions, due chicche che già molti utenti stanno già imparando a sperimentare. Tra l’altro, tra le Reactions introdotte su Messenger, c’è anche una inaspettata novità: si tratta infatti dell’opzione “Non mi piace” indicata col il pollice in basso che si va ad aggiungere alle varie reazioni “Like”, “Love”, “Ahaha”, “Wow”, “Sigh” e “Grr”. La stessa opzione è stata in larga parte richiesta da molti utenti Facebook anche per la stessa piattaforma del social network e presto potrebbe essere disponibile anche in questa versione.

Aggiornamento Messenger: arrivano Mentions e Reactions

Mentions invece è l’opzione, già inserita in realtà su altre app come Whatsapp, che consente di menzionare un’altra persona all’interno di una chat di Messenger semplicemente digitando il nome dell’utente dopo aver cliccato sulla @ chiocciola della propria tastiera. Si tratta infatti di una opzione semplice che consente di rendere sempre più interattiva dal chat di Facebook, così da renderla più appetibile al mondo degli utenti, soprattutto ai nostri giorni in cui la competizione tra social network e app in termini di utenze e modernità è sempre più forte ed evidente. I due aggiornamenti Mentions e Reactions sono stati introdotti anche sulla piattaforma social per i professionisti di Facebook chiamata Workplace.