Foggia, fucilate tra le strade di Monte Sant’Angelo: morto il 44enne Giuseppe Silvestri

By | 21 Marzo , 2017

Attimi di paura all’alba di questa mattina a Foggia, nel Gargano, dove un uomo di 44 anni è stato ucciso e colpi di fucilate tra le strade di Monte Sant’Angelo, nella zona periferica di via Estramurale.  Si è trattato di un vero e proprio agguato contro la vittima Giuseppe Silvestri che proseguiva nella zona con il suo Fiat Doblò prima di essere assaltato dalla raffica di fucilate; per l’uomo, colpito in più parti del corpo dai proiettili, non c’è stato nulla da fare ed è morto sul colpo riportando diversi colpi sul torace e sul viso. Sul posto sono subito intervenuti i soccorsi del 118 e gli agenti delle Forze dell’Ordine per i consueti accertamenti e per verificare l’esatta dinamica del tragico agguato. Già in corso le indagini degli inquirenti per scoprire i responsabili dell’omicidio.

Un evento tragico che ha già creato sgomento tra gli abitanti del piccolo comune di Monte Sant’Angelo già sciolto per presunte infiltrazioni mafiosi nell’estate del 2015 per volere dell’allora Ministro degli Interni, Angelino Alfano. E’ ancora presto per avanzare ipotesi, ma l’uccisione di Giuseppe Silvestri sembra essere legata alle dinamiche della faida di Monte Sant’Angelo, in cui lo stesso Silvestri era inserito. Il 44 enne morto oggi a Foggia era già noto per essere stato coinvolto nel coinvolto nel blitz  che portò all’individuazione dei fiancheggiatori di Giuseppe Pacilli, il latitante poi catturato dalle Forze dell’Ordine nel 2011. Adesso gli inquirenti indagano sull’omicidio di questa mattina, al fine di ritrovare i responsabili dell’agguato di Giuseppe Silvestri e ricostruirne l’accaduto.