Eventi crossculturali, ecco come gestire perfettamente la comunicazione

By | 22 Luglio , 2020
evento

Avete intenzione di realizzare un evento di carattere crossculturale? Ci sono certe manifestazioni che, proprio in virtù dell’altissimo numero di invitati, comportano la presenza di un gran numero di persone, che si tratti di relatori oppure anche di semplici ospiti, che arrivano dall’estero.

Il fatto di avere ad un proprio evento un buon numero di persone straniere pone evidentemente un problema di comunicazione. Per questo motivo affidarsi a chi cura da diversi anni ormai l’organizzazione di eventi e di allestimenti correlati, è una delle principali soluzioni su cui puntare, visto che in questo modo si eviteranno inutili fatiche e ansie, ma soprattutto si metterà il lavoro organizzativo nelle mani di personale esperto e competente.

I primi passi da seguire

Per chi, invece, ha intenzione di fare da sé, un evento crossculturale comporta, come dicevamo in precedenza, la necessità di confrontarsi con persone di varie culture, preferenze e abitudini, ma soprattutto che parlano spesso e volentieri una lingua differente.

Proprio per questa ragione, sarà fondamentale prestare la massima attenzione alla scelta delle modalità di comunicazione, così come all’impiego di colori, di immagini oppure di un certo linguaggio, evitando che anche solo uno degli ospiti possa sentirsi a disagio oppure, nel peggiore dei casi, offeso da qualche comportamento notato durante l’evento.

Serve una ricerca approfondita

Il primo passo è quello di individuare il proprio target, così come suddividerlo in base alla provenienza, sia dal punto di vista geografico che culturale, e successivamente provare a capire quale evento possa essere d’interesse e funzionare per gli ospiti prescelti e quali sono gli aspetti da evitare, invece.

Ottenere tutti i dati e le informazioni possibili e immaginabili sulle abitudini e sulla cultura dei propri ospiti è fondamentale. Bisogna organizzare la ricerca ovviamente facendo leva su delle macro-aree. Scoprire la psicologia dei colori da attuare è molto interessante, visto che cambiano per gli ospiti dell’Occidente rispetto a quelli che arrivano dall’Oriente.

Proprio in riferimento ai colori, l’attenzione che deve essere posta a livello di comunicazione deve essere massima. Ogni cultura, infatti, attribuisce ad un colore il proprio significato preciso e, di conseguenza, è fondamentale scegliere delle tonalità che non vadano ad offendere certe culture, oppure che abbiano un significato che non ha alcuna correlazione con lo scopo dell’evento.

Un altro aspetto a cui prestare la massima attenzione è sicuramente quello relativo all’alimentazione. Avete in mente di creare un evento che sia comprensivo anche di un buffet piuttosto che di un pasto, è fondamentale accertarsi quali siano le preferenze e abitudini alimentare dei propri ospiti. Ad esempio, se c’è qualche invitato di religione musulmana, è interessante sapere che consumerà solamente carne halal.

Se, invece, scegliete di comunicare e diffondere voce del proprio evento tramite le immagini, è chiaro che anche in questo caso è necessario tener conto della sensibilità del proprio target di riferimento. Ci sono alcuni soggetti o immagini, quindi, che potrebbero mettere a disagio una parte degli ospiti. Evitate contenuti troppo ironici o che vi paiono divertenti, ma che in realtà si rivelano poi offensivi per una parte del pubblico.