Credito per cattivi pagatori: posso richiedere un prestito se sono protestato?

By | 19 Febbraio , 2020
credito

A volte può essere difficile parlare di prestiti a protestati o di prestiti a cattivi pagatori, perché si tratta di possibilità che non sempre vengono concesse da parte degli istituti di credito o delle società finanziarie. L’accesso ad un prestito in genere viene collegato alla possibilità di non essere presenti nelle specifiche banche dati. La banca o la finanziaria che si occupano di fornire il finanziamento, per effettuare una specifica valutazione di ogni caso, si affidano anche alla consultazione della banca dati CRIF o del Consorzio Tutela del Credito. Questo perché l’istituto di credito vuole essere sicuro della possibilità che ha il cliente di rimborsare le rate previste con la concessione del finanziamento. Ma cosa succede nel caso di un prestito a cattivi pagatori o a protestati? Cerchiamo di scoprirne di più sull’argomento.

L’importanza di informarsi prima di richiedere un prestito

Solitamente, come abbiamo già specificato, le banche o le società finanziarie non accettano le richieste di prestiti da parte di persone i cui nomi sono presenti nelle apposite banche dati. Per questo, se non hai effettuato precedenti pagamenti con regolarità oppure se sei stato oggetto di un protesto, dovresti sempre informarti preventivamente sulle possibilità che hai di ottenere un nuovo prestito.

Cerca di capire, quindi, se il tuo nome è presente all’interno delle specifiche banche dati e considera se è passato il tempo relativo alla cancellazione, che può essere compreso tra 12 e 36 mesi, in base alla causa che ha determinato l’iscrizione nella banca dati.

In questo modo potrai farti un’idea più precisa su come agire nello specifico e sulle opportunità che hai di richiedere un finanziamento. Tieni in considerazione, infatti, che esistono diverse possibilità per la richiesta di un prestito, anche se sei un cattivo pagatore.

La cessione del quinto dello stipendio o della pensione

Sono a disposizione diverse opportunità per chi è considerato un cattivo pagatore, che possono permettere di ottenere un nuovo finanziamento. Anche eticambio.it ha scritto un articolo sui prestiti per persone protestate molto esaustivo, dove spiega come un cattivo pagatore può ottenere comunque un prestito.

Una delle forme di accesso al credito più interessanti in questo senso è sicuramente rappresentata dalla cessione del quinto dello stipendio oppure della pensione. Si tratta di un prestito che può essere concesso ai dipendenti nel settore pubblico e nel settore privato, oltre che a coloro che ricevono una pensione.

In queste situazioni la banca o la finanziaria saranno più propense ad accettare la richiesta da parte del cliente, perché hanno a disposizione una specifica garanzia, che è rappresentata proprio dallo stipendio o dalla pensione che vengono percepiti periodicamente.

Si tratta nello specifico di una tipologia di prestito che viene definita come non finalizzata. Questo vuol dire che non è necessario indicare i motivi per i quali viene richiesta la somma di denaro in prestito.

La cessione del quinto, come abbiamo visto, può essere richiesta dai dipendenti pubblici, ma anche dai dipendenti privati con un contratto a tempo indeterminato e dai pensionati INPS e INPDAP. La durata del prestito può dipendere da diversi fattori, come la quantità dello stipendio (nel caso dei lavoratori dipendenti) o l’età di chi richiede il prestito (nel caso dei pensionati).

Si tratta di un prestito molto semplice da ottenere, che non richiede la necessità di un garante e che permette di avere una garanzia proprio nel fatto che le rate vengono prelevate direttamente dallo stipendio o dalla pensione.

Per tutti questi motivi il prestito con cessione del quinto è una formula sempre più richiesta nel nostro Paese ed ha più probabilità di essere accettata, proprio per il fatto che le rate del rimborso vengono trattenute direttamente dallo stipendio che il lavoratore percepisce ogni mese oppure dalla pensione.

Le altre possibilità di accesso al credito

Ma non esiste soltanto la cessione del quinto dello stipendio come possibilità per chi è considerato un cattivo pagatore. Un’altra opportunità è rappresentata sicuramente dai prestiti cambializzati, che presentano un’altra garanzia molto importante per il creditore, costituita proprio dalle cambiali.

Infine possiamo dire anche che esistono numerose altre opportunità per i protestati e per i cattivi pagatori di ottenere un finanziamento, se queste persone possono fornire delle adeguate garanzie capaci di dimostrare che saranno in grado di restituire la somma di denaro avuta in prestito.